Il torneo di golf, la festa poi la tragedia: Giacomo muore a 25 anni davanti al papà


Si è accasciato per terra di fronte agli occhi del padre e per lui non c’è stato niente da fare, nonostante il tempestivo intervento dei medici. Si chiamava Giacomo Ponzone, aveva 25 anni ed era di Milano. Si è sentito male al Golf Club di Bogogno e quel malore improvviso non gli ha lasciato scampo. La tragedia si è consumata dopo una giornata di sport e la cena. Il giovane soccorso dai medici e poi da un’ambulanza del 118, si è spento durante il viaggio fino all’ospedale di Borgomanero nella notte tra sabato 6 e domenica 7 luglio.

Giacomo aveva trascorso il pomeriggio al Golf Club che si trova nel Novarese. Lì aveva preso parte al Trofeo Bella, secondo quanto riferito da Novara Today, che pubblica anche la foto del luogo e del ragazzo. Al termine della gara stava partecipando alla festa, poi il dramma. (Continua dopo la foto)







Durante la cena, il 25enne ha accusato un malore e nemmeno l’immediato intervento da parte dei tre medici che si trovavano lì non è bastato a salvargli la vita. È morto nella notte durante il tragitto in ospedale. Sono ancora da chiarire le cause del decesso di Giacomo. È stata già disposta l’autopsia e al momento si pensa ad una disfunzione cardiaca. (Continua dopo la foto)




Milanese e milanista, al momento della tragedia Giacomo era con suo papà, lo stesso con cui sin da piccolo andava allo stadio a tifare la sua squadra del cuore. Era staot lui ad avvicinarlo ai campi da golf fin da giovanissimo. La madre invece si trovava era fuori dall’Italia, a Minorca, nelle Baleari. (Continua dopo la foto)


 


Giacomo era un giovane manager. Dopo il liceo classico Tito Livio a Milano, si era laureato in Economia aziendale alla Cattolica di Milano e, concluso con profitto un master a Londra, lavorava come Business Analyst per Jakala da qualche mese, un’esperienza arrivata dopo Roland Berger e Wellchome. Oltre al dolore della famiglia, ora un’intera comunità di amici e colleghi è sotto choc.

Salvatore, morto a 17 anni. Lacrime, bara bianca e un fiume di amici per l’addio

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@caffeinamagazine.it